Bob Dylan: premio Nobel per la letteratura

13/10/2016

I cantanti sono i poeti contemporanei. Lo è, ad esempio, Francesco Guccini in Italia, lo è Bob Dylan nel mondo. La pensano così anche in Svezia dove, da Stoccolma, è giunto un importante annuncio: premio Nobel 2016 per la letteratura al cantautore di Duluth "per aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito della tradizione della grande canzone americana".

La prima candidatura di Bob Dylan al prestigioso riconoscimento risale al 1996, su proposta del professore dell'Università della Virginia Gordon Ball. Ne seguirono diverse altre sulla scorta della capacità dei suo brani di incidere sul sociale, elevando le canzoni a forma contemporanea di espressione poetica.

Quest'anno ce l'ha fatta battendo la concorrenza di molto scrittori e poeti di fama, ma certamente meno popolari di lui, che dalla sua ha maggiori e più accattivanti strumenti di diffusione del proprio pensiero: le canzoni, il palco, i dischi, il mito.

Non tutti hanno apprezzato questa assegnazione, rilanciando il seguente interrogativo: le canzoni possono essere considerate opere poetiche? Fare questa domanda a Baricco e Mogol equivale a ottenere due risposte agli antipodi.

C'è da dire che, mentre il Nobel per la medicina o per la fisica viene generalmente assegnato in seguito al conseguimento di un obiettivo, e quindi di un fatto certo, il Nobel per la letteratura e per le arti premia uno piuttosto che un altro sulla base del gusto personale.

E quindi, considerato che non si può piacere a tutti, è già un grande risultato piacere ai più, e in questo Bob Dylan c'è sicuramente riuscito.

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Bob Dylan


Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!


NEWS NELLA CATEGORIA: GOSSIP E CURIOSITÀ