Concerto di Bruce Springsteen a Milano: fu bagarinaggio fuori controllo

09/11/2016

La Procura di Milano sta indagando sulla vendita di biglietti online di alcuni concerti, tra cui quello di Bruce Springsteen, già tenutosi, e quello dei Coldplay, fissato per la prossima estate. L'ipotesi di reato è sostituzione di persona e truffa informatica.

I tagliandi attenzionati per il live del Boss sarebbero addirittura 30.000. Il sistema è presto detto: in Italia, per la vendita dei biglietti online, TicketOne ha l'esclusiva. Gli organizzatori non possono utilizzare canali differenti poiché violerebbero questo regime di sostanziale monopolio. Eppure i siti di secondary ticketing abbondano. Nei concerti in cui la richiesta di biglietti è molto più alta rispetto ai posti disponibili per quell'evento, il bagarinaggio trova terreno fertile. Il fan è disposto a tutto pur di esserci, anche a pagare il biglietto una cifra astronomica. I bagarini, quindi, acquistano i tagliandi dai canali ufficiali e li rivendono anche a 10 volte tanto.

Facciamo proprio l'esempio del concerto del Boss: dai 97 euro iniziali, c'è chi ha sborsato anche 670 euro per un singolo biglietto, quasi 7 volte in più! Gli artisti subiscono questo sistema, ne sono vittime. O almeno così si è sempre creduto. Si, perché, un recente servizio de Le Iene ha svelato presunti scenari inquietanti. Dai documenti in possesso della trasmissione di Italia 1, sembrerebbe che siano gli stessi organizzatori a vendere parte dei biglietti direttamente ai siti di secondary ticketing, violando il diritto di esclusiva di TickeOne. E non si tratta di poche decine di biglietti, ma di migliaia. La convenienza di tutto ciò in cosa consiste? Un prezzo fino a 10 volte superiore alle vendite ufficiali determina ritorni maggiori per l'artista che, da quanto sarebbe emerso, in questi casi chiede finanche il 90% sul profitto ai bagarini.

Facciamo un esempio: TicketOne vende 20.000 biglietti a 50 euro, per un totale di 1.000.000 di euro, che già è una signora cifra; il sito di bagarinaggio online vende 10.000 biglietti a 400 euro l'uno, per un totale di 4.000.000 di euro, dei quali il 90% va al cantante (3.600.000 euro).

Naturalmente siamo ancora nel campo delle ipotesi e le indagini investigative faranno il loro corso ma, se il quadro descritto venisse confermato, sarebbe sconcertante: sarebbero gli stessi artisti a foraggiare il fenomeno del bagarinaggio traendo ingenti guadagni da questa speculazione.

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Bruce Springsteen

Vai ai testi dei Coldplay


Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!


NEWS NELLA CATEGORIA: GOSSIP E CURIOSITÀ