Gianni Morandi: concerto per i detenuti di Poggioreale

23/06/2016

Gianni Morandi si è esibito nel carcere di Poggioreale, Napoli. Con la consueta energia, ha intrattenuto per quasi due ore 200 detenuti dei padiglioni Firenze, Livorno e Italia, passando in rassegna i tanti successi della sua lunga carriera.

Un evento significativo, sottolineato dalla presenza del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, oltre che del provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria Tommaso Contestabile e della garante Adriana Tocco.

Niente band, nessuna sovrastruttura. Solo un microfono, una chitarra classica e la voce del cantante di Monghidoro che, con la sua umanità, ha coinvolto la platea, ha accolto richieste di brani e portato alcuni reclusi sul palco, accanto a lui, per un dialogo emozionante e sincero.

Per un attimo la detenzione è diventata più lieve e il mondo esterno è entrato in quella campana di vetro che prende il nome di detenzione.

Per le numerose problematiche che affliggono il sistema carcerario italiano ? primo fra tutti, il sovraffollamento ? la reclusione è una scuola di delinquenza e la funzione afflittiva e punitiva surclassa la funzione rieducativa, che in realtà dovrebbe prevalere.

Gli eventi come questo hanno lo scopo di ridare nuova linfa al percorso di riabilitazione di chi ha sbagliato e di ridurre le distanze tra il mondo che sta dentro e quello che sta fuori.

"Ho cercato di trasmettere messaggi positivi - ha chiosato Morandi a fine concerto - le persone che sono qui e che hanno davanti ancora anni di detenzione hanno bisogno di messaggi positivi".

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Gianni Morandi

Vai ai testi di Gianni Morandi & Enrico Ruggeri & Umberto Tozzi

Vai ai testi di Claudio Baglioni E Gianni Morandi


Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!


NEWS NELLA CATEGORIA: CONCERTI ED EVENTI