Gigi D'Alessio: chiesti 3 anni di carcere

20/06/2017

Periodo nero per Gigi D'Alessio che, dopo aver reso pubblici i suoi debiti milionari e le frizioni con Anna Tatangelo, adesso rischia una condanna a 3 anni di carcere per una lite con alcuni paparazzi.

Il fatto risale al 2007. Due fotografi cercano di immortalarlo nella sua casa di Roma. Il servizio di vigilanza lo avverte della presenza di queste persone. Così il cantante li raggiunge fuori dallo stabile e inizia un diverbio piuttosto acceso, che culmina nel sequestro delle macchine fotografiche e delle attrezzature.

L'artista napoletano racconta l'episodio in questi termini: "Non è certo mia abitudine litigare. Ero a casa mia all'Olgiata e fui avvertito dai custodi che erano stati allontanati due paparazzi che cercavano di fotografare la mia abitazione. Loro si appostarono sulla braccianese, da dove si vede bene la mia casa. Io chiedevo le fotografie, ma mi dissero che non avevano fotografato nulla".

Gigi D'Alessio, però, convinto che gli scatti ci siano stati, decide, insieme al suo assistente Antonio Di Maria, di sottrarre ai paparazzi gli attrezzi del mestiere: "Le macchine fotografiche non le presi per impadronirmene, ma furono i fotografi a consegnarmele per dimostrare che non avevano fatto foto. I borsoni con gli apparecchi li diedi poi ai carabinieri, che hanno fatto un regolare verbale".

Questa versione non ha convinto il P.M. Cristiana Macchiusi, che ha chiesto la condanna del cantante a 3 anni di reclusione. La sentenza dovrebbe essere emanata entro il 22 giugno.

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Gigi D'Alessio


Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!


NEWS NELLA CATEGORIA: GOSSIP E CURIOSITÀ