La Malesia censura "Despacito": il testo è osceno

25/07/2017

Per arrestare la scalata vertiginosa di "Despacito" scende in campo addirittura un governo. La Malesia ha infatti vietato alle radio e tv statali di trasmettere il brano Luis Fonsi e Daddy Yankee giudicandone il testo "osceno", capace quindi di turbare le coscienze.

Ma i due non ci faranno neppure caso, dall'alto dei 4,6 miliardi di ascolti in streaming della super hit dell'estate 2017, già diventata il brano più ascoltato su piattaforma digitale della storia.

Ma che cosa dirà mai di tanto scabroso "Despacito" da sconvolgere una intera nazione? Il titolo significa "lentamente". Il tema è un corteggiamento, degli ammiccamenti, respirare il tuo odore, desiderare il tuo corpo. Insomma, nulla che faccia gridare allo scandalo.

Non la pensa così Salleh Said Keruak, ministro malesiano delle Comunicazioni, che ha preso provvedimenti. Sembra però che il governo abbia agito in conseguenza delle numerose proteste degli stessi cittadini. Traduzione: è stato il popolo a volere la censura e lo Stato l'ha solo applicata.

Sono i malesiani quindi a non volere "Despacito", o almeno una parte di essi. E, secondo Atriza Umar, portavoce del partito islamista, chi apprezza il pezzo lo fa solo perché non capisce ciò che dice: "ritengo sia grave che i più giovani cantino questo brano senza conoscere il significato delle parole".

La domanda sorge spontanea: nel suddetto Paese asiatico, le istituzioni non hanno problemi più importanti da risolvere piuttosto che scovare il marcio in una canzone?

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Luis Fonsi


Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!


NEWS NELLA CATEGORIA: CONCERTI ED EVENTI