L'associazione nazionale partigiani contro Povia: concerto annullato

03/09/2017

Giuseppe Povia e l'associazione nazionale partigiani d'Italia non vanno granchè d'accordo e non se le mandano a dire. L'ANPI lo accusa di essere "legato ad ambienti neofascisti" e di assumere, a volte, posizioni politicamente scorrette.

Gli effetti di questo contrasto non si sono fatti attendere: il concerto che l'artista milanese avrebbe dovuto tenere a Trezzano Sul Naviglio il 23 settembre, nell'ambito della manifestazione "Autunno Trezzanese", è stato annullato.

La decisione è arrivata proprio in conseguenza della dura presa di posizione dell'ANPI, nella persona del presidente Roberto Cenati, che ha definito Povia "personaggio non gradito a Trezzano sul Naviglio", e che ha chiesto al Comune e agli organizzatori di venire meno agli impegni presi.

Il cantante ha commentato con amarezza dal suo profilo facebook: "La libertà e la democrazia per me hanno perso. L'ANPI, alzando questo grande polverone, è riuscito nell'intento di far annullare il concerto". E ha anche aggiunto: "Ricordo che anche i partigiani furono degli assassini, non solo i fascisti".

Poi il monito nei confronti di chi lo ha prima scelto e poi scaricato: "Voi che siete le istituzioni non dimenticatevi di artisti, di persone che hanno subito attacchi di tutti i tipi, Mia Martini, di Tenco, di Marco Masini, di artisti che sono stati massacrati.

A volte succede che qualcuno finisce anche male. Per ora la mia reazione è di prendere la mazzata e rispedirla al mittente, ma ho sofferto di depressione anche io, speriamo non mi ritorni".

Temistocle Marasco


Vai ai testi di Povia


Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderne nemmeno uno!!


NEWS NELLA CATEGORIA: GOSSIP E CURIOSITÀ